Finproject: lo stabilimento di Ascoli Piceno ottiene le certificazioni per l’ambiente e salute e sicurezza

Finproject è lieta di annunciare che ha recentemente ottenuto la certificazione ambientale (ISO 14001) e la certificazione per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (ISO 45001) per lo stabilimento di Ascoli Piceno.

Per la società è un primo passo importante verso l’obiettivo di certificare tutti i siti italiani secondo le due norme internazionali: la norma ISO 14001 fissa i requisiti del sistema di gestione ambientale con lo scopo di fornire alle aziende un metodo gestionale certificabile per la protezione dell’ambiente e per rispondere alle mutevoli condizioni ambientali, sociali ed economiche. La norma ISO 45001 definisce invece gli standard per migliorare la sicurezza, ridurre i rischi in ambito lavorativo e migliorare la salute e il benessere dei lavoratori.

L’obiettivo di Finproject è estendere a tutti gli stabilimenti italiani, entro tre anni, le due certificazioni ISO 14001 e ISO 45001 per attestare l’impegno dell’azienda alla salvaguardia dell’ambiente e aumentare la sicurezza nei luoghi di lavoro implementando un sistema di miglioramento continuo per la sostenibilità aziendale.


Eni Slavery and Human Trafficking Statement 2021

Il documento può essere consultato al seguente link:
Download Download Download

L’impegno di Eni per il rispetto dei Diritti Umani

Il report di Eni sui Diritti Umani intende illustrare il proprio impegno per il rispetto dei Diritti Umani secondo i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (UNGPs) e in linea con le convenzioni internazionali.

Il report è consultabile al seguente link:
Eni for Human Rights

Download

Modello Organizzativo e Codice Etico

Il Consiglio di Amministrazione della Finproject S.p.A. ha adottato nella seduta del 5 Giugno 2017 il Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 ed il Codice Etico del Gruppo Finproject.

Il Consiglio di Amministrazione della Finproject S.p.A. nella seduta del 20 Ottobre 2021 ha approvato la versione aggiornata del Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01.
Il consiglio di Amministrazione della Finproject S.p.A. nella seduta del 28 Ottobre 2021 ha recepito il Codice Etico di Eni S.p.A.

 

I documenti sono consultabili ai seguenti link:
Modello di Gestione e Controllo 2021

Codice Etico

 


Management System Guideline Anti-corruzione 

Il Consiglio di Amministrazione della Finproject S.p.A. nella seduta del 28 Ottobre 2021 ha recepito e adottato la Management Systems Guideline Anti-corruzione.

Il documento è consultabile al seguente link:
Management System Guideline Anti-corruzione

 


Prodotti Finproject certificati ISCC Plus

Finproject ha il piacere di comunicare che ha ottenuto i certificati ISCC-PLUS nei propri siti industriali nelle Marche e in Abruzzo per Bio, Bio-circular, Circular Compound e Bio, Bio-circular, Circular Plastic Products, ottenuti utilizzando materie prime sostenibili.

Questo risultato rappresenta un importante passo avanti verso l’obiettivo di offrire al mercato prodotti decarbonizzati e circolari. La disponibilità di prodotti sostenibili deriva dall’integrazione con Versalis (Eni) che ha a sua volta certificato ISCC PLUS i propri impianti in Francia (sito di Dunkerque) e Germania (sito di Oberhausen) da cui Finproject si approvvigiona per la materia prima.

ISCC Plus è parte dello schema di certificazione ISCC (International Sustainability & Carbon Certification), ha natura volontaria e permette alle aziende dell’intera filiera di monitorare e poter dimostrare la sostenibilità dei propri prodotti attraverso il controllo dei requisiti di sostenibilità, di tracciabilità e del bilancio di massa.

L’attività di certificazione ISCC Plus sarà estesa da Finproject nel corso dell’anno 2022 al sito italiano di Padanaplast e ai siti esteri, ad attestare la concretezza della strategia di economia circolare volta a un sempre maggiore utilizzo di materie prime sostenibili.

Dicono di noi

Classifica Imprese della Fondazione Merloni: Finproject al secondo posto.

Presentata la XXXV edizione della Classifica delle principali imprese marchigiane, basata sui bilanci chiusi al 31.12.2020.

I risultati conseguiti dalle imprese nel 2020 sono stati condizionati dalle misure di limitazione alla mobilità delle persone e di restrizione alle attività economiche indotte dalla necessità di contenere la pandemia da Covid-19.

La Finproject S.p.A. conquista in ogni caso il secondo posto nella provincia di Macerata con circa 188 milioni di fatturato.

Leggi articolo

Prima Classifica Imprese dell’era Covid La Lube conquista il vertice in provincia


FINPROJECT ENTRA A FAR PARTE DI VERSALIS: ALLA SOCIETÀ CHIMICA DI ENI IL 100% DELLE QUOTE DEL GRUPPO MARCHIGIANO

L’operazione è stata realizzata nella piena continuità operativa del management e di tutti i collaboratori di Finproject e permetterà a Versalis di creare una catena di assoluto valore nel mercato dei polimeri per applicazioni speciali 

Morrovalle, Macerata, 22 settembre 2021 – Finproject annuncia che è stato avviato l’iter che porterà al passaggio del 100% delle proprie azioni societarie a Versalis, società chimica di Eni.

ll  Gruppo Industriale marchigiano Finproject è leader nella produzione di compound reticolabili e termoplastici e nello stampaggio di prodotti per il settore calzaturiero e manufatti in materiali ultraleggeri con il brand XL EXTRALIGHT®.

Questa operazione industriale per noi significa moltissimo perché rappresenta di fatto la consegna dell’azienda alla storia industriale del Paese e investire in maniera decisa sul futuro dell’azienda stessa. Quando tutto è cominciato, nel 1965, non avremmo mai pensato di poter contribuire in modo così incisivo ad una trasformazione che ci ha portati ad essere riconosciuti come un’autentica eccellenza nel nostro settore di riferimento afferma Maurizio Vecchiola, Presidente e Amministratore Delegato di Finproject.

L’operazione è stata realizzata nella piena continuità operativa del management e di tutti i collaboratori Finproject e consentirà all’azienda di affrontare sfide più avvincenti, acquisire nuove competenze e diventare più forte e internazionale di sempre.

Quanto siglato rappresenta la dimostrazione che si può ambire da un lato a cambiare le dimensioni del proprio business mantenendo salde le radici italiane; dall’altro permette a Versalis di acquisire nel suo portafoglio una gamma di prodotti che vanno a valle della filiera e soluzioni che contribuiranno ad accelerare la transizione energetica in corso, ponendo grande attenzione alla sostenibilità. L’accordo assume peraltro un ulteriore valore alla luce dell’attuale congiuntura che sta attraversando l’Italia e nel complesso scenario mondiale post-Covid.

Non solo. Il Territorio potrà beneficiare della presenza di un player solido e che ha sempre operato con la massima responsabilità sociale per le comunità locali. Prosegue Vecchiola: “Quando abbiamo avviato il dialogo con Versalis (Eni) abbiamo avuto la certezza di parlare la stessa lingua e di poter contare su una forte corrispondenza di valori – cura e attenzione alle persone e al territorio in primis – che è anche il risultato derivante dalla stessa provenienza geografica dei fondatori delle due società: le Marche, la nostra cultura e il nostro modo di fare impresa solida e vicina alle Persone e al Territorio’.


XL EXTRALIGHT® SUSTAINABLE+ OTTIENE LA CERTIFICAZIONE GRS – GLOBAL RECYCLE STANDARD

Finproject è lieta di annunciare che con il proprio brand XL EXTRALIGHT® nella sua speciale formulazione Sustainable+ ha ottenuto la certificazione internazionale GRS (License nr. ICEA – TX –116), lo standard definito dall’ente Textile Exchange.

Il GRS  identifica i prodotti ottenuti da materiali da riciclo e da attività manifatturiere, attestando l’impegno delle imprese a rispettare i criteri ambientali e sociali su tutta la filiera produttiva.

La Textile Exchange è una organizzazione non-profit che opera a livello internazionale per la promozione e lo sviluppo responsabile della sostenibilità nel settore tessile.

Ha sede negli USA associa circa 300 organizzazioni tra le quali alcune tra i più importanti retailer e brand impegnati a promuovere politiche e pratiche di responsabilità ambientale e sociale d’impresa.

XL EXTRALIGHT® ricerca l’innovazione nel rispetto e tutela dell’ambiente verso un modello di economica circolare. L’intero ciclo produttivo è studiato e ingegnerizzato per limitare gli scarti di produzione, sfruttando inoltre energia pulita proveniente da impianti fotovoltaici di proprietà. Ogni componente dei prodotti XL EXTRALIGHT® è analizzato e controllato secondo i più alti standard di sicurezza. La tecnologia XL EXTRALIGHT® è  priva di solventi nocivi, metalli pesanti, sostanze tossiche.

Con lo sviluppo di Sustainable+, prodotto realizzato per il 51% della sua formula con un processo altamente ingegnerizzato di recupero, riciclo e miscelazioni di scarti e sottoprodotti derivanti dai plant del gruppo e che salvaguarda il 50% delle risorse minerarie, Finproject porta all’estremo il suo impegno verso la sostenibilità ambientale e la sua dedizione al tema del riciclo.

 

Dicono di noi Dicono di noi Dicono di noi Dicono di noi Dicono di noi

A.D. DI VERSALIS, SOCIETÀ CHIMICA DI ENI, IN VISITA PRESSO LA SEDE PRINCIPALE DI FINPROJECT

Nei giorni scorsi l’amministratore delegato di Versalis  (Eni), Adriano Alfani, ha preso parte alla visita di benvenuto organizzata all’interno dell’ headquarter del gruppo industriale Finproject, a Morrovalle.

La partnership industriale fra Finproject e Versalis, entrata nel capitale dell’azienda marchigiana per una quota del 40%, era stata una delle ultime operazioni annunciate nei giorni immediatamente precedenti il lockdown nel febbraio 2020.

L’operazione Finproject – Versalis sta creando un nuovo centro di competenza industriale sui materiali plastici speciali che rivestirà un ruolo da protagonista per lo sviluppo del settore in Italia e nel mondo.

Il posizionamento di Finproject sul mercato per le applicazioni ad alto valore aggiunto si integra con la leadership tecnologica e industriale di Versalis nella chimica creando una catena di valore. Insieme svilupperanno nuovi materiali con un approccio teso alla sostenibilità e alla circolarità, per dare vita a soluzioni in grado di portare innovazione in innumerevoli settori strategici come il wire and cable, il footwear, l’automotive, il design e molte altre industrie in fase di sviluppo. Il tutto per guardare al futuro in un’ottica di crescita sociale, ambientale ed economica.